Istruzioni per l’utilizzo delle bombole

Bombole elio

Quantità di gas per bombola

Cominciamo a capire cosa sono le bombole di elio. Questi recipienti in ferro hanno varie misure, sia in altezza che in larghezza, hanno pesi variabili pur avendo la stessa altezza. Quelle da noi trattate, ovvero le bombole di elio, hanno altezze che variano dai 90 ai 180 cm. a seconda del quantitativo di gas presente all’interno che può andare dai 14 lt. ai 50 lt.

Le unità di misura con la quale viene calcolato il prodotto presente nelle bombole sono 2, il Litro(lt.) e il Metro cubo(m³). Nelle operazioni di cambio da un’ unità di misura all’altra il calcolo che va fatto  è il seguente: 5 lt.=1 m³ di elio. Attualmente le bombole maggiormente utilizzate in commercio per il gonfiaggio dei palloncini sono quelle che vanno dagli 8 ai 10 m³( quindi dai 40 ai 50 lt.).

Capire il contenuto di una bombola

punzonatura su ogiva

esmpio di ogiva bombole

La domanda che maggiormente mi è stata rivolta in questo settore è la seguente:” Ma come faccio a sapere se la bombola che ho acquistato è da 8 o da 10 m³?“. Nulla di più facile!!! Nella parte alta della bombola troviamo una zona colorata in maniera diversa,solitamente in marrone, detta ogiva. In questa parte sono state segnate tramite punzonatura le caratteristiche del recipiente ( attenzione…solo del recipiente e non del contenuto!) come il peso in kg. della tara della bombola comprensiva di cappellotto di sicurezza, la max. capacità interna espressa in litri e altre specifiche quale l’ultima data di collaudo. Sull’ ogiva le varie ditte produttrici di gas mettono anche la specifica del contenuto interno, che nel caso di bombole di elio può essere: Elio 5.5(iperpuro); Elio 5.0; Elio 4.8; Flygas o Pallongas.

Flygas

L’elio maggiormente trattato in campo ludico è un elio puro si, ma al 99,98%, contro il 99,999% dell’elio 5.5 o iperpuro. In termini puramente tecnici potrebbe non sembrare una variazione rilevante, ma ai fini della durata in fase di “galleggiamento” di un palloncino del diametro di circa 30 cm. si ha  una differenza di circa 1 ora e mezza. Questo divario viene naturalmente amplificato nel gonfiaggio di palloni più grandi, i cosiddetti giants e nel riempimento di aerostati. Vale la formula: più l’elio è puro, maggiore è la durata del palloncino in aria.

Trasporto e stoccaggio in sicurezza

Il trasporto di bombole e di tutti i recipienti di gas che lavorano con pressioni atmosferiche molto elevate va fatto solo da personale specializzato. Una volta acquistata la bombola va posizionata in una zona “sicura” dell’attività commerciale o del luogo nel quale la stessa viene usata. Deve essere tenuta lontano da bambini e persone non qualificate, possibilmente protetta tramite ancoraggio a muro  (mediante stop e catenelle varie) o posizionandola in angoli per evitare possibili cadute fortuite.Il cappellotto di sicurezza deve essere sempre inserito durante lo spostamento dei recipienti e nei momenti di non utilizzo.

Cosa è l’elio

 Descrizione chimica dell’elio

Peso atomico e perso specifico della particella elio

 

elio è un elemento chimico facente parte della tavola periodica, ha un numero atomico pari a 2 ed è simboleggiato in tabella come He. È un gas inerte (non infiammabile), inodore, incolore e insapore, viene perciò annoverato come gas nobile. Essendo uno degli elementi più leggeri presente al mondo (il secondo dopo l’idrogeno) viene utilizzato in vari campi, uno di questi è il gonfiaggio di aerostati, dirigibili e…i palloncini!

 

Presenza nel mondo

punti estrazione gas elio a livello mondiale

Tabella presenza elio sul pianeta

Fu proprio in uno di questi, nello specifico in Kansas, che nel 1903 trovarono presenza di elio durante delle prove di trivellazione. Attualmente sono stati trovati nuovi giacimenti dai quali estrarre questo prodotto, tra i più importanti troviamo quelli in Algeria, in Qatar e in Russia.

E’ un gas derivato dal decadimento radioattivo di elementi più pesanti quali l’uranio, si trova presente in molti gas vulcanici, a livello mondiale l’elio viene maggiormente estratto da giacimenti statunitensi.

 

Applicazioni

Svariati sono i campi di utilizzo dell’elio, tra i principali sicuramente troviamo le applicazioni nel settore criogenico, in quello sanitario e,come già detto prima, per il riempimento di aerostati e palloncini.Avendo un punto molto basso di ebollizione viene usato per refrigerare i magneti superconduttori ed è quindi molto utilizzato in criogenia dove si lavora con temperature molto basse. In campo sanitario l’uso dell’elio (in questo caso liquido) è abbinato all’imaging a risonanza magnetica. Viene quindi utilizzato in campo ludico per il gonfiaggio di palloncini (sia in lattice che in mylar), viene preferito all’idrogeno in questo settore proprio perché a differenza di quest’ultimo è un gas inerte. Particolarità del prodotto è che una volta inalato produce un effetto di “cambiamento di voce” o ” effetto paperino”, dovuto al fatto che temporaneamente si ha un cambio del timbro della voce in quanto le corde vocali lavorano in un ambiente con una densità differente da quella dell’ossigeno.